Trampolieri

Il termine trampolieri era quello con cui una volta venivano designati gli uccelli con lunghe zampe, per lo più acquatici, che nelle recenti classificazioni zoologiche vengono invece designati col termine di Ralliformi e di Cicogniformi.

Hanno zampe lunghe, quattro dita, tibie spesso prive di piume, becco lungo e di varie forme. Anche il collo è generalmente meno lungo. Sono uccelli che vivono presso corsi d’acqua, stagni, laghi, fiumi e paludi : infatti si cibano di insetti acquatici e di pesci. Vivono solitamente in gruppi numerosi e sono diffusi in Europa, Asia, Africa ed America. La Cicogna, che appartiene all’ordine dei Cicogniformi, è un uccello di grandi dimensioni che può superare l’altezza di un metro, con un’apertura alare quasi doppia.

Il piumaggio è bianco, con le remiganti nere, il becco e le zampe rossi. Le cicogne formano coppie stabili, che spesso si sciolgono solo in seguito alla morte di uno dei due partners e dedicano cure assidue all’allevamento della prole, che nasce completamente inetta. Volatori resistentissimi, le Cicogne compiono lunghe migrazioni, spostandosi in ampie formazioni a forma di V rovesciata. L’estate viene trascorsa nell’Europa centro-settentrionale, dove questi trampolieri nidificano, per poi trasferirsi nei mesi freddi in Africa. Vive nelle regioni acquitrinose e non sfugge la vicinanza dell’uomo che la protegge ritenendola di buon auspicio. Spesso nidifica sui camini delle case di campagna, talvolta avventurandosi fino in città, ma non certo in Italia: nell’Europa settentrionale, specialmente in Olanda e in Germania, gli abitanti, non solo tollerano la presenza delle cicogne, ma ne favoriscono l’insediamento, collocando sul proprio tetto casse o copertoni, su cui le cicogne possono allestire il loro nido. Questi grossi trampolieri, inoltre, sono molto socievoli, e facilmente addomesticabili se allevati da giovani anche perché, cibandosi di ogni sorta di piccoli animali, si rendono utili agli agricoltori. Anche se a loro agio come animali domestici, non resistono però al forte istinto che li spinge a migrare d’autunno, unendosi alle vaste schiere di cicogne selvatiche. Con la bella stagione, però, tornano invariabilmente al punto di partenza, e si dimostrano liete di riprendere la vita domestica, manifestando la loro gioia con i secchi rumori che riescono a produrre chiudendo ritmicamente il becco.

Tratto dal sito: www.zoologia-animali.com

Nome scientifico:
NUMENIUS ARQUATA
Ordine: CARADRIIFORMI
Famiglia: SCOLOPACIDI
Galleria fotografica
Nome scientifico:
HIMANTOPUS H. HIMANTOPUS
Ordine: CARADRIIFORMI
Famiglia: CARADRIIDI
Galleria fotografica
Nome scientifico:
RECURVIVOSTRA AVOSETTA
Ordine: CARADRIIFORMI
Famiglia: RECURVIVOSTRIDI
Galleria fotografica
Nome scientifico:
BOTAURUS STELLARIS
Ordine: CICONIFORMI
Famiglia: ARDEIDI
Galleria fotografica
Nome scientifico:
IXOBRYCHUS MINUTUS
Ordine: CICONIFORMI
Famiglia: ARDEIDI
Galleria fotografica
Nome scientifico:
ARDEOLA RALLOIDES
Ordine: CICONIFORMI
Famiglia: ARDEIDI
Galleria fotografica
Nome scientifico:
ARDEA CINEREA
Ordine: CICONIFORMI
Famiglia: ARDEIDI
Galleria fotografica
Nome scientifico:
CASMERODIUS ALBUS
Ordine: CICONIFORMI
Famiglia: ARDEIDI
Galleria fotografica
Nome scientifico:
GRUS GRUS
Ordine: GRUIFORMI
Famiglia: GRUIDI
Galleria fotografica
Nome scientifico:
CICONIA NIGRA
Ordine: CICONIFORMI
Famiglia: CICONIDI
Galleria fotografica
Nome scientifico:
CICONIA CICONIA
Ordine: CICONIFORMI
Famiglia: CICONIDI
Galleria fotografica
© Copyright 2011 Museo di Sarnano. Tutti i diritti riservati. Credits
Up