Museo delle Armi

Il Museo è stato istituito dall’Amministrazione Comunale di Sarnano il 25 Febbraio 1987 in seguito all’acquisizione di un primo nucleo (460 pezzi) della raccolta del collezionista locale Mario Arrà. Incrementato nel 1993 con gli ultimi 57 esemplari della stessa raccolta e nuovamente nel 1995 con altre 323 armi destinate gratuitamente al Museo da parte del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, esso rappresenta un caso emblematico dell’attenzione per la conoscenza e la tutela di oggetti di “arte minore” o “applicata”.

Concepito come “museo scientifico” finalizzato a mostrare l’evoluzione delle armi dal punto di vista tecnico, storico e artistico, esso comprende non solo esemplari militari ma anche civili, molto presenti nella vita quotidiana delle epoche passate, utilizzate per la difesa personale, simbolo di un determinato stato sociale, ma soprattutto armi utilizzate nell’esercizio della caccia, inteso sia come momento ludico e agonistico sia come attività quotidiana necessaria al sostentamento.
La collezione comprende armi bianche, corte, lunghe ed in asta del XVI e XVII secolo, una corazza medievale a maglia di ferro, armi da fuoco ad avancarica, civili e militari con meccanismi a miccia, a ruota, a pietra focaia ed a luminello; inoltre, fucili e pistole di transizione, con i diversi sistemi a retrocarica, a spillo, percussione anulare, percussione centrale. Le armi bianche, dal Settecento al XX secolo sono rappresentate da spade, daghe, pugnali, baionette anche da caccia, coltelli, lance da cavalleria.

L’epoca dall’Ottocento ai nostri giorni è documentata da una panoramica dei sistemi di ripetizione e di armi automatiche. L’esposizione è completata da parti di equipaggiamento militare, copricapo, attrezzi di ricarica, arnesi da caccia, munizionamento, bombe, oltre che da esemplari di armi orientali ed africane.

Nell’anno 2011 è stata allestita una nuova sezione, nella quale viene dedicato ampio spazio agli armamenti militari delle due guerre mondiali, in relazione ai diversi schieramenti.

© Copyright 2011 Museo di Sarnano. Tutti i diritti riservati. Credits
Up